Home > Archivio Eventi > Marmomacchine. La prevenzione del rischio da silice libera cristallina nel comparto lapideo

Marmomacchine. La prevenzione del rischio da silice libera cristallina nel comparto lapideo

Evento VERONAFIERE - Palazzo Conferenze

Pubblicato il venerdì 03 Ottobre 2008 Inizia venerdì 3 Ottobre 2008 alle 09:00
Finisce venerdì 3 Ottobre 2008 alle 23:59

Evento VERONAFIERE - Palazzo Conferenze

Lo scopo del convegno è riportare e confrontare le diverse attività, propedeutiche alla sicurezza e salute nell'ambiente di lavoro, delle figure professionali coinvolte nell'analisi propositiva ai contenuti normativi, nell'applicazione delle stesse norme e leggi, nei controlli esecutivi sulla sicurezza aziendale e, infine, nelle singole fasi di attività del settore lapideo.

L'incontro è stato organizzato da AIAS (Associazione Italiana Ambiente e Sicurezza) in collaborazione con: NIS (Coordinamento Tecnico Regioni – INAIL – ISPSL – ISS); ANIM (Associazione Nazionale Ingegneri Minerari); ULSS 20 Verona; ULSS 22 Bussolengo

Documentazione

brochure

Interventi

Infortuni sul lavoro comparto lapideo. Principali dinamiche di accadimento
Dr. Mario Gobbi - Ulss 20 Verona - intervento (pdf 2,4Mb)

Procedure di sicurezza applicative nel settore lapideo; Applicabilità e gestione procedure di sicurezza (analisi svolta in realtà imprenditoriali)
Tdp Massimo Bonfanti - Ulss 20 Verona; Tdp Roberto Salvagno - Ulss 22 Bussolengo:
Piazzale stoccaggio e viabilità (link interno) | Apparecchi di sollevamento e trasporto (link interno) | Verifica funi di imbracatura (link interno) | Movimentazione blocco (link interno) | Carico legacci/bundles (link interno)

Buone pratiche in cava: perforazione
Dr. Roberto Pattarin - Asl 6 Sondrio - intervento (pdf 0,7Mb)

Livelli di esposizione professionale a silice nelle attività estrattive e della lavorazione delle pietre
C. Zecchi INAIL CON.T.A.R.P. - intervento (ppt 1,9Mb)

Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
pin CORONAVIRUS

Riassunto delle principali disposizioni ed indicazioni fornite per i datori di lavoro.
Per maggiori informazioni: COVID-2019: informazioni per i datori di lavoro