Home > Archivio Eventi > Le malattie professionali di interesse dermatologico, otorinolaringoiatrico e pneumologico

Le malattie professionali di interesse dermatologico, otorinolaringoiatrico e pneumologico

Pubblicato il mercoledì 15 Maggio 2013 Inizia mercoledì 15 Maggio 2013 alle 14:00
Finisce mercoledì 15 Maggio 2013 alle 23:59

Le denunce di malattia professionale all'INAIL sono aumentate negli ultimi anni, ma Il fenomeno è ancora sommerso.

Numerosi fattori di rischio presenti negli ambienti di lavoro causano dermatosi, malattie dell'apparato respiratorio e otorinolaringoiatriche. Possono esistere difficoltà nell'individuazione di tali patologie e nell'accertamento del nessocausale con le condizioni lavorative.

Obiettivo del corso è ottimizzare le conoscenze, le capacità diagnostiche e le competenze, anche con la discussione di casi clinici, per favorire il riconoscimento e l’emersione delle malattie professionali di interesse dermatologico, otorinolaringoiatrico e pneumologico.

Documentazione

Locandina

Interventi

Le malattie professionali di interesse dermatologico otorinolaringoiatrico pneumologico
Marco Bellomi, Medico del lavoro - intervento (pdf 0,7Mb)

Le malattie professionali di interesse dermatologico: cause, clinica e diagnostica
Floria Bertolini, Dermatologa - intervento (pdf 3,6Mb)

Le malattie professionali di interesse otorinolaringoiatrico:cause clinica diagnostica
Paolo Zampieri, Otorinolaringoiatra - intervento (pdf 8Mb)

Le malattie professionali di interesse pneumologico: cause, clinica e diagnostica
Claudio Micheletto, Pneumologo - intervento (pdf 6,4Mb)

Discussione di casi: ipoacusia adenocarcinoma seni paranasali asma allergico DAC
Stefania Dolci, Medico del lavoro - intervento (pdf 1Mb)

Malattie professionali di interesse dermatologico, otorinolaringoiatrico, pneumologico
Giuseppina Salatin, Medico legale - intervento (pdf 1,4Mb)

Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
pin CORONAVIRUS

Riassunto delle principali disposizioni ed indicazioni fornite per i datori di lavoro.
Per maggiori informazioni: COVID-2019: informazioni per i datori di lavoro