INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > Aziende

Aziende

I manuali del mondo delle aziende

Limiti di esposizione, livelli di azione e obbligo del registro degli esposti. Indicazioni preliminari per i Servizi Spisal.

Il gruppo di lavoro regionale per l’attuazione del PRP 2014-2018 “Ricerca attiva delle neoplasie professionali e mappatura contenimento del rischio cancerogeno negli ambienti di lavoro”, in collaborazione con l’Università di Padova e Verona, ha elaborato un documento che affronta in particolare l’esposizione dei lavoratori a formaldeide con l’obiettivo di orientare e uniformare il comportamento dei Servizi SPISAL in attesa del pronunciamento da parte dello specifico gruppo di lavoro nazionale.

Scarica [.pdf] 1,5 Mb

Analisi delle segnalazioni-denunce di patologie professionali da sovraccarico biomeccanico degli arti e del rachide pervenute agli SPISAL anno 2015.

Nel 2015 sono state segnalate/denunciate agli Spisal del Veneto 2.161 patologie da sovraccarico biomeccanico degli arti e del rachide. L’AULSS che ha ricevuto più segnalazioni è stata quella di Padova, seguita da quella di Conegliano e di Treviso. L’incremento delle segnalazioni è del 54% rispetto al 2014.

In questo monitoraggio, sono stati raccolti dati specifici sulle patologie multiple, ovvero patologie che interessano sedi anatomiche diverse, e tali patologie rientrano nel totale delle segnalazioni.

Scarica [.pdf] 1,1 Mb

I piazzali moderni sono caratterizzati dal fatto di avere dimensioni subordinate alla quantità ed al tipo di materiale da lavorare.

La tipologia del fondo varia sensibilmente tra le vie di percorrenza dei mezzi e quelle di deposito blocchi.

Fermo restando il dettato legislativo che impone una superficie consona al tipo di lavoro da svolgere, ed in generale stabilisce che tali superfici non devono presentare buche, sporgenze, e devono garantire un transito sicuro sia delle persone che dei mezzi, esistono anche altri problemi concreti collaterali che non possono essere sottovalutati.

Scarica [.pdf] 1,7 Mb

Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento di un carico sospeso, tramite gancio o altro organo di presa.

Gli apparecchi di sollevamento possono essere classificati in: gru a torre, autogru’, gru su autocarro, gru a cavalletto, gru a ponte scorrevole, gru a struttura limitata, gru a portale, argani e paranchi.

Le macchine, le macchine mobili e gli apparecchi di sollevamento sono all’origine di più del 10% degli infortuni sul lavoro. Per quanto riguarda i rischi di natura meccanica, quelli tradizionalmente conosciuti sono attualmente ben controllati, ma stanno emergendo nuovi rischi e nuove problematiche con lo sviluppo di nuove tecnologie.

Scarica [.pdf] 1,9 Mb

La movimentazione dei blocchi e delle lastre nel settore lapideo veronese avviene in gran parte mediate l’uso di funi metalliche e solo in minima parte con catene e fasce.

Le funi e le catene vengono prevalentemente impiegate per il sollevamento di materiali grezzi o semi lavorati, mentre le fasce sono utilizzate per i materiali finiti.

Le operazioni di movimentazione hanno determinato spesso infortuni gravi e mortali causati per la maggior parte da funi sottodimensionate, danneggiate e/o usurate, ecc.

La verifica dello stato di conservazione o la scelta del tipo di fune o catena è spesso lasciata a discrezione dell’esperienza dell’addetto alla movimentazione.

I rischi principali relativi all’uso delle funi sono i seguenti:

  • caduta/rilascio del carico per rottura della fune a seguito dell’usura o per scorretto utilizzo;
  • punture e lacerazioni delle mani a causa dei fili rotti dei trefoli;
  • sbilanciamento del carico a seguito di deformazioni delle funi (es. attorcigliamenti, pieghe, ecc.).
Scarica [.pdf] 0,7 Mb

Operazioni per l’imbracatura, sollevamento, trasporto e stoccaggio dei blocchi.

Le operazioni di movimentazione dei blocchi di marmo o granito comportano i seguenti rischi:

  • Schiacciamento causato da caduta o oscillazione dei blocchi in fase di movimentazione;
  • Scivolamento causato da possibili detriti sulla pavimentazione;
  • Urti e schiacciamenti causati da caduta di frammenti di materiale dall’alto o dalla caduta del blocco per rottura delle funi di imbracatura;
  • Lesioni alle mani e al corpo causate dal possibile sfregamento con le funi in acciaio durante l’imbracatura del blocco;
  • Possibili cadute da scala durante la salita o la discesa dall’alto;
  • Urti contro automezzi in movimento;
  • Schiacciamento di mani o piedi durante il posizionamento di zeppe di appoggio dei blocchi.
Scarica [.pdf] 1,7 Mb

Per effettuare il carico di pacchi di lastre, sia di granito che di marmo, in containers di tipo chiuso (open side) o a cielo aperto (open top) si utilizzano appositi “contenitori” denominati “Legacci” o “Bundles”.

Il carico e lo scarico di tali legacci può essere effettuato mediante l’utilizzo del carrello elevatore, della gru semovente, della gru a cavalletto o del carroponte, opportunamente adeguati/forniti di attrezzature speciali che ne consentono la movimentazione.

Si tratta di una struttura in legno morbido costituita da una base, dotata di due piedi, e quattro paletti/staffe verticali, che consente di contenere un pacco di lastre sia di marmo che di granito (circa 5/10 lastre).

Scarica [.pdf] 2,4 Mb

Manuale per la prevenzione nelle attività di autoriparazione

Scarica [.pdf] 1,3 Mb

In questo manuale vengono esaminate alcune seconde lavorazioni della carne

Scarica [.pdf] 2,1 Mb

In questo manuale vengono trattate le fasi che raggruppano la maggior parte delle aziende e degli addetti

Scarica [.pdf] 1,3 Mb

Il comparto produttivo della metalmeccanica include le attività di meccanica generale, carpenterie metalliche, minuteria metallica, molatura e sbavatura

Scarica [.pdf] 1,3 Mb

Questo manuale di prevenzione dei rischi per la salute e sicurezza è indirizzato alle attività di panificazione artigianale

Scarica [.pdf] 1,5 Mb

Questo manuale costituisce uno strumento per valutare i rischi aziendali e gli interventi migliorativi da adottare

Scarica [.pdf] 3,6 Mb
Ultimo aggiornamento: 09/12/2018
Condividi questa pagina: